Scuola: in Campania multe al personale scolastico che non si sottoppone al test sierologico.

In vista dell’aperture delle scuole del 24 sett, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, in data 8 settembre u.s. ha firmato l’ordinanza numero 70 che rende obbligatorio lo screening sul personale scolastico.

Il numero degli asintomatici aumenta, e pertanto si passa ” alle misure forti”.

Nell’ordinanza si legge: “Ai sensi di quanto disposto dall’art.2 del decreto legge n.33/2020, convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2020, n.74, salvo che il fatto costituisca reato diverso da quello di cui all’articolo 650 del codice penale, le violazioni delle disposizioni della presente Ordinanza sono punite con il pagamento, a titolo di sanzione amministrativa, in conformità a quanto previsto dall’articolo 4, comma 1, del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito con modificazioni dalla legge n.35 del 2020 e ss.mm.ii“.

Il pagamento previsto dal comma 1, art.4 del decreto sopra citato va dai 400 ai 3.000 euro. E poi si precisa: “In caso di reiterata violazione del presente provvedimento la sanzione amministrativa è raddoppiata“.

I risultati consegnati al dirigente, ma la privacy?

Nell’ordinanza c’è altresì scritto che il personale scolastico deve segnalarsi al proprio Medico (..) al fine di sottoporsi al test sierologico e/o tampone e prevede ” l’esibizione dei relativi esiti al proprio Dirigente scolastico, che esercita le funzioni di Datore di lavoro nelle scuole statali, ovvero, per le scuole paritarie, al Datore di lavoro“.

E la privacy? I risultati non andrebbero esibiti al proprio medico curante o medico competente? Als auspica dei tempestivi chiarimenti.

Campania-ordinanza-n-70-dell-8-09-2020-1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *