Graduatorie provinciali e di istituto, BOZZA Ordinanza.

Con un “colpo di mano” nelle segrete stanze il Ministro intende stravolgere le graduatorie per l’insegnamento, disintegrando i diritti acquisiti dai precari storici in base al sistema stabilito dal DM 13 giugno 2007.
Ovviamente tutto ciò senza alcuna condivisione con le parti sociali,solo una sterile comunicazione formale.
Un vero blitz in un giorno d’estate volto a portare avanti il proprio obiettivo: disfarsi dei precari, troppi impreparati per meritare tutela !

Secondo quanto indicato dalla bozza dell’ordinanza, le graduatorie provinciali saranno suddivise in due fasce. N.B. Trattandosi di una bozza potrà ancora subìre modifiche anche notevoli. Il testo infatti, dopo il confronto con i sindacati, dovrà essere inviato al CSPI per il prescritto parere e solo successivamente potrà essere pubblicato in forma definitiva.

Due fasce per le graduatorie provinciali

Le graduatorie provinciali saranno costituite da due fasce.

Infanzia e primaria 

In prima fascia i docenti in possesso di abilitazione specifica

In seconda fascia gli studenti del terzo, quarto e quinto anno del corso di laurea in Scienze della formazione primaria, con 150 200 o 250 CFU al momento della presentazione della domanda.

Secondaria I e II grado

Possono iscriversi:

a) in prima fascia  i docenti in possesso di relativa abilitazione

b) in seconda fascia

  • laurea  + 24 CFU in discipline psicopedagogiche e metodologie didattiche
  • abilitazione per altra classe di concorso o altro grado (titolo previsto dal dm 59/2017).
  • precedente inserimento nella terza fascia di istituto per il triennio 2017/20 per la specifica classe di concorso (quindi senza i 24 CFU)

ITP 

  • precedente inserimento nelle graduatorie di istituto valide per il triennio 2017/20 per la specifica classe di concorso
  • diploma + 24 CFU in discipline psicopedagogiche e metodologie didattiche di cui al dm 616/2017
  • abilitazione per altra classe di concorso o altro grado di istruzione (titolo previsto dal dm 59/2017)

Sostegno 

Possono iscriversi:

a) in prima fascia i docenti in possesso del titolo di specializzazione per il grado richiesto

b) in seconda fascia i docenti privi del relativo titolo di specializzazione ma che abbiano tre anni di servizio entro l’anno scolastico 2019/20 su posto di sostegno del relativo grado e che siano in possesso di abilitazione o titolo di studio previsto per l’accesso alle graduatorie provinciali.

Le graduatorie di istituto

Saranno composte da tre fasce e serviranno per la attribuzione delle supplenze temporanee (max ultimo giorno di lezione).  In caso di esaurimento o incapienza delle GPS potranno essere utilizzate anche per supplenze al 31 agosto e 30 giugno.

  1. la prima fascia corrisponde all’attuale prima fascia di istituto (docenti abilitati inseriti in GaE)
  2.  la seconda fascia è costituita dagli aspiranti presenti in GPS di prima fascia che scelgono, nella stessa provincia, fino a venti istituzioni scolastiche (abilitati non inseriti in GaE)
  3. la terza fascia è costituita dagli aspiranti presenti in GPS di seconda fascia che scelgono, nella stessa provincia, fino a venti scuole (non abilitati)
graduatorie_provinciali-bozza

1 pensiero su “Graduatorie provinciali e di istituto, BOZZA Ordinanza.

  1. I 24 cfu sono o non sono un requisito fondamentale per i docenti di ITP? La domanda va ovviamente a chi continua a generare confusione tra i docenti, ossia il ministro dell’istruzione ei suoi dirigenti. Nel mio ventennio da docente non mi era mai capitato di leggere continuamente inesattezze, errori, imprecisioni, smentite, rettifiche, integrazioni delle disposizioni e nelle norme ministeriali. L’ultima distorsione, che sarà prima o poi rettificata ( almeno me lo auguro) riguarda i 24 CFU, indispensabili per l’inserimento in graduatoria di istituto per gli ITP, non richiesti per partecipare ai concorsi per docenti di ITP banditi quest’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *