Graduatorie II e III fascia: ci sarà l’aggiornamento e la riapertura nell’a.s. 2020/21?

C’è stata una grande battaglia per la riapertura delle graduatorie, richiesta che il Ministro Azzolina ha sempre ignorato, dimenticandosi i sacrifici dei suoi ex colleghi che – da precari e con una miseria di stipendio – hanno dovuto affrontare.
Spese per conseguire master, corsi di perfezionamento, crediti formativi, ex colleghi che hanno dovuto accettare incarichi distanti centinaia di chilometri da casa, pur di conseguire quei “benedetti” punti da poter utilizzare per avanzare di posizione.
Senza dimenticare coloro i quali aspirano ad iscriversi per la prima volta nelle graduatorie, fino ad oggi utilizzati solo con le mad.

Ecco, in questi giorni sembra che il Governo abbia cambiato idea.

A confermarlo sono stati proprio il Ministro e il sottosegretario De Cristofaro. Prima di conoscere i dettagli, bisogna però attendere che il Decreto Scuola venga approvato e – ad oggi 27 maggio- in Senato è ancora tutto fermo.

Ma come funzioneranno le graduatorie provinciali?

Una prima novità legata alla riapertura e aggiornamento delle graduatorie provinciali di II e III fascia, è il fatto che la procedura sarà telematica.

Quindi, primo step è essere registrati ad “Istanze on line”. Per info su come registrasi, si rinvia al link https://www.liberascuola.org/2020/05/26/istanze-online-guida-alla-registrazione/

Chi è già inserito dal 2017, avrà la possibilità di cambiare provincia e chi non è inserito potrà farlo, a patto che abbia i requisiti.

  • Per iscriversi in II fascia è necessaria l’abilitazione all’insegnamento per la cdc richiesta.

Si evidenzia che ci sono state numerose pronunce dei Tribunali (v. ex multis sentenza del Tribunale di del lavoro di La Spezia, sent. del 13.2.20 o Tribunale di Roma – Sez. Lavoro, in data 22.03.2019), che hanno riconosciuto valore abilitante, utile per l’inserimento nella II fascia delle G.I., la laurea idonea all’insegnamento, congiuntamente al possesso dei 24 crediti formativi. Pertanto, coloro che intendono proporre il ricorso, dovranno inviare al Ministero dell’Istruzione, nei termini di aggiornamento ( se ci sarà) una richiesta di inserimento in II fascia delle G.I., nel quale dovrà essere dichiarato quale titolo abilitante per la corrispondente classe di insegnamento, la laurea ed i relativi 24 CFU. Per maggiori info https://www.liberascuola.org/2020/03/08/stabilizzazione-precari-non-inseriti-in-gae/

  • Per accedere alla III fascia servono la laurea (con gli eventuali CFU richiesti per l’accesso alla cdc) + i 24 CFU.

Circa la validità delle graduatorie, se sarà triennale o biennale, così da riallineare le tre fasce, non si hanno notizie certe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *