I docenti di III fascia: l’esercito dei futuri esodati

Prima di diventare Ministro, la Azzolina diceva di battersi per le #stabilizzazioni, addirittura in rete circola un video di qualche tempo fa che mostra una Azzolina convincente nel difendere i diritti dei precari.

Ed ora che fa? Proprio quando avrebbe la possibilità reale di far valere quei principi, fa marcia indietro.

L’attuale governo M5S-PD-LEU-IV ha approvato un concorso straordinario per l’assunzione di 24.000 precari storici, falsamente 😡 definito salva precari.
▶️In realtà si tratta di un concorso ammazza precari!
La farraginosità della procedura, l’assoluto rifiuto del ministero a confrontarsi con i corpi intermedi per definire le procedure del concorso, fatto unico nella recente storia repubblicana, lasciano trasparire in modo inequivocabile la vera ratio del provvedimento legislativo: ❗️esodare i precari storici ❗️

Il combinato disposto del concorso straordinario, così come impostato, e del concorso ordinario abilitante escluderà inevitabilmente almeno 30.000 precari storici anche dall’assegnazione degli incarichi annuali.
Inoltre, i “valorosi” insegnanti precari storici sul sostegno sono esclusi dal concorso straordinario e non viene garantito loro neppure il diritto ad accedere ad un percorso di specializzazione.

I sindacati, fino a qualche giorno fa timidi nei confronti, ora che fanno? La cisl pare abbia dribblato la Azzolina, e abbia scritto direttamente a Conte 🙄….

👉 L’ALS, facendosi portavoce del legittimo malcontento di tali docenti che mettono in evidenza i controsensi della scuola italiana, teatro del crepuscolo del nostro Paese, ritiene che le soluzioni per sanare il vulnus venutosi a creare per questa annosa situazione potrebbero essere meno complesse, e sicuramente meno onerose per le casse dello Stato.
Che dite, il Ministro vorrà ascoltarci?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *